Crypto e Realtà Virtuale

“Sarà la cosa migliore che il mondo criptico potrà mai sperimentare o una farsa nel nome della cosa migliore che il mondo abbia mai sperimentato”. 

Realtà virtuale (VR), una tecnologia che consente agli esseri umani di sperimentare un’illusione immersiva di essere da qualche altra parte. Molti successi ad Hollywood, tra cui The Matrix e il recentissimo Ready Player One, hanno tentato di illustrare come potrebbero essere le prossime generazioni di tecnologia VR. 

In questi film, i protagonisti vivevano in un mondo creato da oggetti meravigliosi – e quasi paranormali. 

Avevano un lavoro (anche se si trattava di rapire un creatore di chiavi), Ferrari costose e persino un bar da frequentare. Lontano dalla fantascienza, gli ingegneri nel frattempo stanno esplorando casi d’uso in tempo reale basati sulla realtà virtuale.

La tecnologia è promessa ai giocatori, con l’afflusso di giochi ad alta velocità lanciati da Play Station e Xbox. 

Oltre a ciò, vengono esplorate anche le possibilità di rimuovere lo strato intermedio di tastiere ed e-mail e di utilizzare gli avatar per trasmettere informazioni sui luoghi di lavoro.

Potrebbe essere una ragione per cui Brian Armstrong, co-fondatore di uno dei più grandi exchange di criptovalute Coinbase, ritiene che la realtà virtuale possa diventare uno strumento per espandere le tecnologie di pagamento virtuali. 

Potrebbero permettere ai partecipanti di guadagnare denaro virtuale che possono portare nel mondo reale e spenderli come qualsiasi altro denaro legale. 

“La ragione è semplice”, spiega Armstrong. 

“Quando le persone effettuano transazioni in mondi virtuali, non ha senso utilizzare la valuta di un paese. Persone provenienti da tutto il mondo si riuniranno in questi spazi virtuali e sarebbe esclusivo (o forse anche rude) utilizzare la valuta di un paese in un mondo digitale. Inoltre, la moneta digitale creerà un incentivo per le persone a trascorrere più tempo in questi mondi (dove possono guadagnare “soldi veri”) creando un circolo virtuoso per le aziende che costruiscono questi mondi “.

Bitcoin in un mondo VR 

Armstrong si riferiva alle monete di rame del film Ready Player One. 

Queste monete erano una forma di tesoro o di ricompensa che un personaggio avrebbe ricevuto all’interno dell’OASIS, un mondo di realtà virtuale. 

I giocatori hanno usato un sacchetto di proprietà per conservare queste monete. 

Gli sviluppatori di tali mondi virtuali potrebbero creare la loro valuta digitale centralizzata o utilizzare una valuta decentralizzata esistente come Bitcoin o Ethereum, ha suggerito Armstrong. 

Ha anche immaginato come le persone avrebbero iniziato a passare più tempo nel mondo della realtà virtuale per guadagnare un reddito passivo, soprattutto quando sarà utilizzabile nel mondo reale.

 “I clienti di questi prodotti possono prendere i soldi che generano nel mondo virtuale e convertirli in denaro tradizionale per pagare le bollette nella vita reale. 

Questo aiuterà a prendere la realtà virtuale da un hobby o intrattenimento per un lavoro a tempo pieno o uno stile di vita”. 

Mentre la teoria stessa sembra una fantascienza, è ancora molto interessante dal punto di vista tecnologico. 

Chissà, nessuno avrebbe più bisogno di andare in ufficio perché indossa un auricolare e controlla ogni compito a caso tramite un avatar.