Bitcoin SegWit

Bitcoin, la più grande criptovaluta in base alla capitalizzazione di mercato, è stata spesso oggetto di molte critiche per le dimensioni limitate dei blocchi su blockchain.

Tuttavia, secondo i recenti dati di blockchain.com, la dimensione media giornaliera del blocco di Bitcoin ha raggiunto i 1,3 MB, il massimo storico. 

I blocchi di una blockchain agiscono come un registro digitale in cui sono archiviate tutte le transazioni. 

Le unità indipendenti sono organizzate in una sequenza lineare nel tempo in quanto le nuove transazioni vengono costantemente elaborate e aggiunte dai minatori aumentando la lunghezza della blockchain. 

Più alto è il numero di blocchi che vengono inseriti nella blockchain, più difficile è rimuovere e apportare modifiche alla blockchain, contribuendo all’irreversibilità della stessa.

Secondo il grafico, il tasso delle dimensioni medie del blocco è andato aumentando gradualmente dall’inizio dell’anno, dopo essere sceso a circa 0,80 MB nel dicembre 2018. 

I blocchi estratti al momento, che è approssimativamente ogni 10 minuti, sono marginalmente più grandi del limite precedente di 1 MB che è stato messo in atto dalla rete Bitcoin. 

La dimensione del blocco migliorata può essere attribuita all’introduzione del [SegWit] nell’agosto 2017.

Dall’introduzione di SegWit, il concetto di “dimensione del blocco” è stato leggermente aggiornato, consentendo di aumentare la capacità del blocco fino a 4 MB di capacità. 

Nell’attuale rete Bitcoin, circa il 40% di tutte le transazioni Bitcoin utilizza il concetto di Segwit. 

Inoltre, secondo blockchain.com, l’implementazione di SegWit avrebbe potuto influenzare anche le commissioni di transazione e i tassi di transazione sulla rete Bitcoin poiché si sono avvicinati rispettivamente ai minimi storici.